di Luigi Sorrentino

Palazzo Aragonese, Palma Campania (Na) - Illustrazione su cartolina
Palazzo Aragonese, Palma Campania (Na) – Illustrazione su cartolina dell’inizio ‘900 delle mura perimetrali del giardino

 

Le vicende del Palazzo Ducale, più noto come Aragonese, sono legate alla storia del feudo di Palma, perché l’edificio fu la sede dei feudatari che si avvicendarono nel corso dei secoli, a partire dalla fine del XV secolo. Non si conosce ancora l’origine del feudo della Terra di Palma. Probabilmente con il dominio Longobardo l’intero territorio, come semplice casale o gastaldato, fu incluso nella Contea di Sarno.

Palazzo Aragonese, Palma Campania (Na) - La facciata esterna
Palazzo Aragonese, Palma Campania (Na) – La facciata recentemente è stata restaurata e riportata alle condizioni dell’inizio ‘900

Successivamente la Contea di Sarno fu divisa in più feudi: la Terra di Palma fu elevata a Baronia e la residenza del Barone fu stabilita nel Castello costruito sulla collina, mentre il territorio baronale comprendeva ulteriori suffeudi: Pozzorummolo, Montetto e Schiappone, Durazzano, Lucignani. L’unico documento storico che attesta l’autonomia amministrativa del feudo di Palma in quel periodo è la Bolla con cui nell’anno 1066 Alfano I, arcivescovo di Salerno, durante il pontificato di Alessandro II, istituisce la Diocesi Vescovile di Sarno. Tale Diocesi comprendeva il territorio che dal golfo di Stabia e lungo il fiume Sarno si estendeva verso S. Valentino Torio fino alla chiesa di S. Michele Arcangelo, ai piedi del monte Locolano, e per le balze di questo monte sino a Palma (Palmam) con le sue pertinenze e Striano (Istricanum) e, sfiorando la base del Vesuvio, fino al mare. Le ricerche storiche eseguite fino ad oggi non ci consentono di conoscere i nomi dei feudatari longobardi che hanno amministrato il territorio fino alla venuta dei Normanni. Di certo si sa che dal 1175 la Baronia della Terra di Palma fu affidata ad un cavaliere normanno di nome Rinaldo, già barone della Terra di Castiglione in Calabria, e passò poi a suo figlio Riccardo, sotto il regno di Federico II di Svevia; con Carlo I d’Angiò il feudo passò a Filippo de Mostarolo, gran maresciallo dell’esercito angioino e nel 1313 fu incamerato nei beni della regina Sancia, moglie di Roberto d’Angiò. Dal 1365 fu retto da Gaetano Picchillo e poi dal marchese Marcantonio Sant’Angelo, il quale nel 1427 lo cedeva al conte Raimondo Orsini, in cambio dei castelli di Nettuno e di Asturi. Il feudo rimase proprietà della famiglia Orsini fino al 1529, allorché Enrico, accusato di lesa maestà da Filippo d’Orange, fu privato di tutti i beni. La decadenza del castello baronale edificato sulla collina iniziò con il regno aragonese.  In questo periodo i castelli persero la loro funzione di luoghi di estrema difesa e ad essi si sostituirono gli edifici di delizia, ricchi di sale e numerose logge, come il Palazzo Ducale,  edificato ai piedi della collina, e fatto costruire verso la fine del XV secolo da Raimondo Orsini, conte di Nola, per ordine di Alfonso I d’Aragona, che scelse il Piano di Palma per la caccia col falcone.  In seguito alla partecipazione degli Orsini alla rivolta dei Baroni, l’edificio fu requisito dalla Regia Corte e messo in vendita.

Palazzo Aragonese, Palma Campania (Na) - Cortile interno
Palazzo Aragonese, Palma Campania (Na) – Cortile interno con veduta verso le ex Scuderie

Acquistato il 17 giugno 1529 da Giacomo Della Tolfa, conte di San Valentino, passò in dote a sua figlia, donna Vittoria, che sposò il marchese di Lauro, Scipione Pignatelli.  Il figlio Camillo a causa dei debiti lo vendette alla principessa Maria di Cariati. Fu acquistato poi da un rappresentante della borghesia emergente del tribunale di Napoli Massimino Passaro e dal 1663 divenne feudo della nobile famiglia napoletana dei Di Bologna, a cui apparteneva il seggio di Nido nel Parlamento napoletano. Nicola di Bologna, divenuto Duca di Palma, tenne il feudo dal 1663 al 1725, quando lo ereditò prima l’omonimo nipote Nicola e poi il fratello Ascanio, che moriva senza eredi.

Palazzo Aragonese, Palma Campania (Na) - Facciata interna
Palazzo Aragonese, Palma Campania (Na) – Facciata interna al cortile.

Da allora iniziò una lotta in famiglia per la successione tra la moglie di Ascanio, Maria Loffredo, e il nipote, per linea femminile, Gennaro Caracciolo (figlio di Pasquale Caracciolo, Principe di Marano e nipote di Don Fulvio Gennaro Caracciolo e Donna Maria Ippolita di Bologna). Alla fine il feudo fu acquisito dal Caracciolo che, per motivi di indebitamento, lo vendette a Giacomo Saluzzo, duca di Corigliano e da questi passò ai baroni Compagna. L’ultima erede dei Compagna, proprietaria di due ampi saloni a primo piano e sovrastanti sottotetti di copertura, ha cercato di vendere  in diverse occasioni questi beni al Comune di Palma Campania, ma senza esito.

Il palazzo conobbe un periodo di grande splendore con i Della Tolfa, che dopo l’acquisto del 1551 passarono ad ampliarlo e ad abbellirlo con importanti opere d’arte, come il mirabile impiantito (pavimento maiolicato con mattonelle polimorfe realizzate in loco) creato da Mastro Pietro da Aversa, e gli otto medaglioni in ceramica maiolicata invetriata di produzione napoletana, ma influenzati dall’arte fiorentina dei della Robbia, minuziosamente descritti dal Nappi nel 1938, quando erano ancora incastonati in bella mostra nelle pareti del palazzo.

Palazzo Aragonese, Palma Campania (Na) - Stemma della famiglia Caracciolo
Palazzo Aragonese, Palma Campania (Na) – Stemma araldico della famiglia Compagna

Ma anche gli altri feudatari che si susseguirono nella proprietà investirono notevoli risorse nel restauro e nell’abbellimento del monumento. In particolare il Duca Nicola di Bologna investì molte centinaia di ducati per la ristrutturazione dell’edificio, abbellendolo con tele e dipinti, opera di numerosi artisti napoletani (a questo periodo risalgono gli affreschi ancora presenti nei locali adibiti ad erario e posti sulla destra, all’ingresso del Palazzo). Sistemò anche il giardino e lo arricchì di vasi e di siepi di bosso.

La facciata principale è scandita da tre ordini di apertura tardo cinquecenteschi nel disegno e nel rapporto dimensionale. Al centro dell’edificio, il portone di entrata è costituito da una semplice cornice di piperno, sormontata al centro dallo stemma, in marmo bianco, della famiglia Compagna, raffigurante un leone rampante.

Durante l’ultima guerra mondiale il palazzo fu occupato prima da militari tedeschi, poi dai militari dell’esercito alleato ed, infine, da famiglie di sfollati che avevano avuto le case distrutte dai bombardamenti. Dal cortile si accedeva una volta ad un grande giardino, che dopo la guerra fu venduto e sfruttato come area edificabile. Un secondo immenso giardino si estendeva davanti alla facciata principale del palazzo, come si riscontra dalla rivela (dichiarazione dei redditi dell’epoca) del Duca Nicola di Bologna nel Catasto Onciario del 1753. Grazie al Sindaco Biagio Sodano nei primi anni cinquanta buona parte di questo giardino fu espropriato e destinato a campo sportivo e mercato ortofrutticolo, sottraendolo così al sacco edilizio che si era realizzato nell’altro giardino alle spalle del palazzo. E’ certo che dal 1950 al 1970 il Palazzo Ducale ha rifornito con assiduità il mercato antiquario napoletano e nazionale. Si conservano presso collezionisti napoletani alcune pregiate maioliche di Mastro Pietro d’Aversa e il G. A. ha ricevuto una promessa di donazione di alcune di queste maioliche, non appena si avrà la disponibilità di una sede a fruizione pubblica per l’allestimento di un museo civico.

Degli otto medaglioni a ceramica invetriata, solo recentemente è stato messo all’asta nel dicembre 2000 dalla Pandolfini di Firenze quello raffigurante un busto muliebre. Invano il G. A. con un esposto del 2 dicembre 2000 ha tentato di farne sospendere la vendita e con una successiva nota del 14 febbraio 2001 ha chiesto di verificare la legittimità delle notifiche ministeriali, sollecitandone anche l’esproprio o il diritto di prelazione. Ci si augura che dall’incontro di stasera possa prendere corpo l’idea dell’acquisizione al patrimonio pubblico del Palazzo Ducale di Palma Campania che rappresenta, nonostante i danni subiti, uno dei monumenti più significativi del periodo rinascimentale nel napoletano.

L’edificio, nonostante sia sotto la tutela della L.1909 n.364 e sia stato dichiarato monumento nazionale, attende ancora un restauro che lo riporti al suo originario aspetto.

© Diritti riservati. Riproduzione consentita previa citazione della fonte.

The Ducal Palace

The courses of the Ducal Palace, well-known as because the buiding was the seat of the feudals that followed one another in the course of the centuries.

It got built, around the end of the 15th century, by Raimondo Orsini, count of Nola, by order of Alfonso I of Aragona, that chose the palace of Palma for the Hawking. After the partecipation of Orsinis to the Barons revolt, the building was commondured by the King of Naples, that pout it up for sale.

Bought by the lords Della Tolfa from San Valentino, it passed to the daughter, donna Vittoria, who married Scipione Pignatelli, marquis of Lauro. The son Camillo for debts had to sellit to the princess Maria di Cariati. It was bought by a representative of the emergent middle class of the tribunal of Napoli Massimo Passaro and from 1663 it became fief of the noble napoletan family Di Bologna, owner of the seat of Nido in the Napoletan Parliament. Nicola Di Bologna turned as duke of Palma, kept the fief from 1663 to 1725, when it was inherited by the homonimus nephew Nicola and then the brother Ascanio, died without heirs. From then it started a conflict in the family for the succession between the wife of Ascanio, Maria Loffredo, and the nephew Gennaro Caracciolo. At the end the fief was acquired by Caracciolo that for debts, sold it to Giacomo Saluzzo, duke of Corigliano and from him it passed to the barons Compagna.

The palace knewn a period of splendour with Di Bologna family. Young Nicola invested hundreds of ducats for the restoration of the building, embellishing it with canvas and paintings, works of many Napoletan artist. He fixed up also the garden and enriched it with vases and hedges.

The building in spite of it is under the tutelage of the law 1909 N. 364 and it is declared national monument, is still waiting a restoration that would bring it to the original look.

The principal front is scanned by three lines of opening of the late Cinquecento. At ground line there are twelve rectangular windows they alternate at little balconies, some of them in Catalan style. At last floor, instead, there are seven windows sormounted by a round arch. On two sides of the big front can be noted two openings embellished by a triangular eardrum. At the center of the building the entrance front door is constitued by a simple frame in piperno, sormounted in the center by the coat of arms, in white marbles, of Compagna’s family (errata corrige, n.d.r), representing a rampant lion. Inside the rectangular courtyard the architraves of the revenue ambients have two inscription in latin: Cereri Baccoque Dicatum e Genio Dicatum. From the courtyard it was possible to get inside a big garden, that after the War was sold to be a building land. They are preserved by Napoletan collectors the esteemed majolicas of Mastro Pietro d’Aversa and some glazed medallion, artistic evidences of the 16th century that were embellishing the palace.

Il testo in inglese è tratto dalla brochure Palma Campania. Itinerario tra Storia e Arte, a cura di Nappi Maria Maddalena, Buonagura Michela, Iervolino Salvatore, stampata dal Liceo Classico “Antonio Rosmini” di Palma Campania per il progetto P.O.P P. 40025 11. Sottoprogramma 9. Misura P.3. Modulo 6.1.

Annunci