di Luigi Sorrentino

(articolo pubblicato in “il Meridiano”, anno XI – numero 6/110, 27 giugno 2004)

Il sottoscritto ing. Luigi Sorrentino, nato a Palma Campania…, ivi residente…, direttore onorario del Gruppo Archeologico Terra di Palma.

PREMESSO

  • che l’associazione in epigrafe ha come scopo statutario la tutela e la valorizzazione del patrimonio culturale ed in particolare dei beni archeologici del territorio individuato come “Terra di Palma”, così veniva indicato l’antico comprensorio feudale che comprendeva le attuali entità comunali di Palma Campania, San Gennaro Vesuviano e Carbonara di Nola;
  • che è venuto a conoscenza dell’adozione di una variante al PRG vigente nel Comune di San Gennaro;
  • che in detto strumento urbanistico adottato oltre a notevoli sviste che individuano erroneamente l’ubicazione di importanti istituzioni come la Caserma dei Carabinieri, posta attualmente di fronte alla casa comunale, in via Sarno, da dove si è trasferita da oltre quindici anni, o la casa di cura La Madonnina, come luogo di culto, non vi è alcun cenno alla tutela del patrimonio culturale ed in particolare di quello archeologico;
  • che nella relazione di accompagnamento, oltre a confondere la storia industriale di San Gennaro Vesuviano con quella di San Giuseppe Vesuviano, quando si parla della nascita dell’industria casearia AURICCHIO, l’analisi storiografica della cittadina si limita al mese di dicembre del 1673, data cui si ritiene sia stato edificato il convento francescano (!) nell’esistente all’epoca Quartiere di San Gennaro;
  • che detta relazione pur soffermandosi con puntuale individuazione sul dato della popolazione obiettivo (12523,60 residenti al 2012), formulato con due decimali, aggiungendo cioè ad una quantificazione “perfezionistica” con i 60/100 di una persona, nulla riferisce in merito alle preesistenze storiche ed archeologiche di San Gennaro Vesuviano;
  • che nel territorio di San Gennaro, invece, sono numerose le testimonianze di presenze antropiche nell’antichità: un villaggio del Bronzo Antico Medio e un’estesa necropoli in località Balle, a confine tra Palma Campania e San Gennaro Vesuviano; la presenza dell’acquedotto Augusteo; in contrada Rommafavi un mausoleo funerario quadrato con lati di circa 18m., distrutto durante la costruzione della vasca comunale per la raccolta di acque pluviali, la cui lapide della gens Rufus trovasi murata all’ingresso dell’aula consiliare; nella stessa zona furono recuperate dall’allora sindaco G. Nappi delle fistole plumbee, consegnate alla Soprintendenza Archeologica di Napoli, a testimonianza della presenza in zona di residenze di epoca romana; in contrada Miccarielli il rinvenimento di ambienti appartenenti ad un complesso rustico ben più ampio di epoca romana (Notizie Scavi 1911);
  • che quanto affermato è stato anche pubblicato dallo scrivente in Antichità a Palma Campania, ed. L’Arca di Avella, nel 1996, e una copia fu inviata in omaggio alla Biblioteca comunale di San Gennaro Ves.no;
  • che il G. A. Terra di Palma per il passato ha anche segnalato in diverse occasioni sia alla Soprintendenza di Napoli che a quella di Pompei la mancata tutela del territorio durante la realizzazione di opere pubbliche come la costruzione della variante 268 ad este del Vesuvio, durante la posa della condotta della SNAM, nel corso della sistemazione con allargamento stradale dell’incrocio di via Tirone, proprio sulla strada a confine tra Palma e San Gennaro, quando fu rinvenuto un breve tratto in lastricato di epoca romana subito occultato;

PROPONE OPPOSIZIONE

alla variante al PRG, adottata con delibera commissariale n° 29 del 19/03/2004 e pubblicata in data 22/03/2004, per i motivi ampiamente esposti in premessa e

CHIEDE

che siano interessate sia la Soprintendenza Archeologica di Pompei che quella di Napoli per verificare la possibilità di istituire un vincolo generico archeologico di piano per evitare, come avvenuto per il passato, ulteriore distruzione dell’importante patrimonio archeologico presente nel territorio.

San Gennaro Vesuviano,

lì, 20/05/2004

Il direttore del G. A.

Ing. Luigi Sorrentino

Annunci